Roccalbegna è un paesino che sorge nel territorio dell’alta valle del fiume Albegna, nell’area del Monte Amiata, dista dalla città di Grosseto circa 30 km e si presenta come uno dei principali comuni del comprensorio amiatino.

Il paese di Roccalbegna, con il suo comune, confina con i centri abitati di Santa Fiora, Arcidosso, Campagnatico, Scansano e Semproniano, la cittadina toscana si colloca proprio al centro delle valli dei fiumiAlbegna e Fiora.

Per quanto riguarda la storia, sappiamo che le origini del paese si collocano nel periodo Medievale, in origine il centro abitato fu un possedimento della famiglia degli Aldobrandeschi e , a partire dal XIII secolo, fino al XVI secolo, appartenne alla Repubblica di Siena, successivamente il potere passò al Granducato di Toscana, e Roccalbegna ne divenne un Libero Comune.

Il paese è dominato da una imponente roccia, che sovrasta tutto l’abitato e che dona il nome al borgo stesso, molto diffuso, fra la gente del luogo, è un detto locale, che recita più o meno così: “Se il sasso scrocca, addio la Rocca”…

Il centro storico del paese di Roccalbegna custodisce al suo interno edifici e monumenti antichi sicuramente molto interessanti: la Chiesa della Madonna del Soccorso, la Chiesa di San Pio, la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo ed il Romitorio di San Cristoforo, che sorge sul Monte Faete, ma anche il Palazzo Bichi Ruspoli, il Cassero Senese, la Rocca Aldobrandesca, le Mura di Cinta.

Il territorio comunale vede inoltre la presenza della Riserva Naturale di Bosco dei Rocconi e del Pescinello.